Pratiche edilizie e Detrazioni fiscali

Detrazioni fiscali sulla ristrutturazione edilizia

Per tutto l’anno 2020, è possibile sfruttare la detrazione fiscale sui lavori di ristrutturazione edilizia del proprio appartamento.
Questo ci darà la possibilità di detrarre il 50% dell’importo totale delle spese, fino a un massimo di € 96.000.
La ristrutturazione, oltre ad avere in sé già un grande vantaggio economico, apre le porte anche al BONUS MOBILI.
Bonus mobili 2020: con l’acquisto di mobili ed elettrodomestici è possibile detrarre il 50% della spesa. 
Questa interessante iniziativa è stata ideata per favorire la riqualificazione immobiliare ed energetica. È possibile usufruire delle  detrazione IRPEF  fino ad un valore del 50% sull’acquisto di arredamento e di grandi elettrodomestici di categoria A+, ad esclusione dei forni per i quali è compresa anche la classe A, un valido aiuto pensato per le giovani coppie e le famiglie.
Per ottenere il bonus mobili, è necessario effettuare un rifacimento edilizio all’interno della propria abitazione, sia che si tratti di una piccola unità abitativa che di una residenziale. Il bonus mobili è fruibile se la data di acquisto dei beni è successivo all’inizio dei lavori edili.

Processo tecnico
Nel nostro team, è presente anche un’equipe di tecnici, in grado di fornirvi il disbrigo di tutte le pratiche necessarie allo sviluppo del vostro lavoro. Partiamo quindi dall’ottenimento di tutti i permessi comunali, passando poi alla presentazione e il disbrigo di tutte le pratiche amministrative. Al termine della ristrutturazione, verranno quindi richiesti i documenti di fine lavoro e le pratiche catastali.
Una volta che i lavori sono stati completati, si potranno presentare le richieste per il recupero delle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica e il bonus mobili.

Rispondiamo alle vostre domande

Cosa posso acquistare?

La detrazione del 50% dei costi totali, spetta per l’acquisto di arredamento per la casa ed elettrodomestici nuovi. Fanno parte dell’arredamento: cassettiere, armadi, letti, scrivanie, credenze, materassi, librerie, tavoli, sedie, apparecchi luce, comodini e sono invece escluse le porte, le tende, le pavimentazioni e altri complementi. Per quel che riguarda gli elettrodomestici nuovi invece, questi devono appartenere ad una  classe energetica non inferiore alla A+  (A o superiore per il forni e lavasciuga).
Un ulteriore vantaggio è dato dalla possibilità di portare in detrazione anche le  spese di trasporto  e di  montaggio  dei beni acquistati.

Quanto posso detrarre?

L’importo detraibile, fa riferimento alla sola spesa riguardante l’arredamento e non dipende dalla spesa per la ristrutturazione edilizia.
La base d'importo massimo è di € 10.000,00 sulla singola unità abitativa, riguardanti la spesa sostenuta per l’acquisto di elementi d’arredo ed elettrodomestici.

Come posso ottenere il bonus mobili 2020?

La detrazione BONUS MOBILI, si può ottenere indicando le spese sostenute all’interno delle propria  dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi persone fisiche).
Per poterlo fare, però, i pagamenti su arredo ed elettrodomestici, dovranno essere effettuati tramite bonifico o carta di credito/debito.
È importante pertanto, conservare le ricevute di pagamento o avvenuta transazione e le fatture di acquisto dei beni. Attraverso la fattura si potrà quindi verificare la natura, la quantità e la qualità dei prodotti acquistati.

Esempio di vantaggio detrazioni fiscali + bonus mobili

Intevento Costi Recupero fiscale 50%
Costo ristrutturazione 10.000 € - 5.000 €
Costo arredo 10.000 € - 5.000 €
Totale costi 20.000 € - 10.000 €
Costo finale arredo + ristrutturazione 10.000 €

Per maggiori dettagli:

Vuoi iniziare a progettare il tuo arredo su misura?

Contatta il nostro interior designer! Realizzerà per te un progetto su misura e senza impegno!

Risparmia il 50% con il BONUS MOBILI